Variazioni su temi di diritto del lavoro

 

Corte di giustizia, sezione decima, 14 settembre 2016, C–16/2015

I rapporti a tempo determinato dell’ordinamento spagnolo nel settore sanitario e l’incompatibilità di tale disciplina con il diritto comunitario


La clausola 5, punto 1, lett. a), dell’accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, concluso il 18 marzo 1999, che compare in allegato alla direttiva 1999 / 70 / Ce del Consiglio, del 28 giugno 1999, relativa all’accordo quadro Ces, Unice e Ceep sul lavoro a tempo determinato, deve essere interpretata nel senso che essa osta a che una normativa nazionale, quale quella oggetto del procedimento principale e propria dell’ordinamento spagnolo, sia applicata dalle autorità dello Stato membro interessato in modo tale che il rinnovo di contratti di lavoro a tempo determinato successivi, nel settore pubblico sanitario, sia considerato giustificato da ‘ragioni obbiettive’ ai sensi di tale clausola perché detti contratti sono basati su disposizioni di legge che consentono il rinnovo per assicurare la prestazione di specifici servizi di natura temporanea, congiunturale o straordinaria, mentre, in realtà, tali esigenze sono permanenti e durature, e in modo tale che non esista alcun obbligo per l’amministrazione competente di creare posti strutturali che mettano fine all’assunzione di personale con inquadramento statutario occasionale e che sia permesso di destinare i posti strutturali creati all’assunzione di personale ‘a termine’, in modo tale che la situazione di precarietà dei lavoratori perduri, mentre lo Stato interessato conosce un deficit strutturale di posti per il personale di ruolo in tale settore (principio di diritto ricavabile dalla decisione). 


Contratti a tempo determinato nel settore sanitario-legislazione spagnola - incompatibilità con il diritto comunitario

 

APRI PDF

Login

Accesso Utenti

Indice 3/2018

cover 3 2018

Loghi

Variazioni su Temi di Diritto del Lavoro
Iscrizione al R.O.C. n. 25223
ISSN 2499-4650
© G. Giappichelli Editore s.r.l.