Variazioni su temi di diritto del lavoro

 

Cass. 2 febbraio 2016, n. 2830 (Potere disciplinare e proporzionalità della sanzione)

La nozione di rissa ai fini dell’esercizio del potere disciplinare e i criteri di valutazione della proporzione fra il fatto e la sanzione


La nozione di rissa richiamata da alcuni contratti collettivi nazionali di categoria nei loro codici disciplinari non coincide con quella propria del diritto penale, così che non sono rilevanti il numero dei partecipanti, il carattere violento della contesa e il pericolo per l’incolumità pubblica, poiché è sufficiente una contesa anche tra due sole persone idonea a procurare una situazione di pericolo non limitata ai protagonisti, per le modalità dell’azione e l’eventuale coinvolgimento di terzi, anche in considerazione della possibile alterazione del pacifico svolgersi della vita collettiva.
Nonostante tale interpretazione dell’espressione “rissa” del contratto collettivo nazionale di categoria, non rientra in tale ipotesi e non costituisce né giusta causa, né giustificato motivo soggettivo di licenziamento una spallata inferta da un dipendente a un collega senza conseguenze sull’equilibrio fisico della vittima, anche in considerazione delle mansioni espletate dall’autore del fatto, poiché esse non sono caratterizzate da particolari elementi fiduciari (massima redazionale).


Potere disciplinare -proporzionalità della sanzione - illegittimità del licenziamento

Registrati per leggere il seguito...

Login

Accesso Utenti

Indice 3/2018

cover 3 2018

Loghi

Variazioni su Temi di Diritto del Lavoro
Iscrizione al R.O.C. n. 25223
ISSN 2499-4650
© G. Giappichelli Editore s.r.l.